Libri di Montalbano in ordine cronologico: la guida

Libri di Montalbano in ordine cronologico: la guida

Ti presentiamo in questa guida i libri di Montalbano in ordine cronologico, per saperne di più su queste opere letterarie. Montalbano e romanzi costituiscono un binomio davvero interessante. “Montalbano sono” è l’espressione più conosciuta dagli amanti dei libri di Camilleri, scrittore indiscusso, amato da più generazioni.

La sua penna ha dato vita alla storia del commissario, con tanti romanzi di Montalbano, raccogliendo il suo excursus professionale e umano in trame avvincenti e romantiche. Sono numerosi i libri editi Sellerio che vedono protagonista Montalbano, a cui vanno aggiunte le edizioni edite Mondadori e tutti gli altri libri in cui Montalbano compare seppure non con il ruolo di protagonista di tutte le storie.

Tutti i libri di Montalbano in ordine

Camilleri e i libri di Montalbano sono apprezzati da tantissimi lettori. Ma quali sono tutti i libri di Montalbano che sono stati pubblicati? A seguire una guida completa seguendo per i libri di Montalbano un ordine cronologico, con una piccola scheda aggiuntiva e un paragrafo tutto dedicato all’inedito dell’autore, Il Riccardino postumo, che arriva dopo la morte dell’autore per volontà del medesimo, quasi a ricordo dei posteri, quasi a voler mettere la parola fine. Andiamo quindi a vedere quali sono i libri di Montalbano in ordine cronologico.

La forma dell’acqua

Anno 1994, La forma dell’acqua è il primo della serie di libri su Montalbano in assoluto. Qui un giovane Montalbano si trova ad affrontare un cruento omicidio: vittima l’ingegnere Lupariello. Il titolo è una metafora, una domanda che viene tratta dal libro, in cui ci si chiede quale sia la forma dell’acqua. Una risposta fredda e graffiante: “la forma dell’acqua è quella del suo contenitore”. Il Commissario si trova a risolvere un omicidio studiato nel dettaglio.

Il cane di terracotta

Altro celebre romanzo, tra i libri di Montalbano in ordine cronologico, è Il cane di terracotta, del 1996. Dopo appena due anni dalla nascita del Commissario Montalbano, Camilleri torna con un nuovo libro e inizia la saga di quello che diverrà il suo coprotagonista. Un salto nel passato, un duplice omicidio di un ragazzo e una ragazza che la scientifica riconduce ad almeno 50 anni prima del ritrovamento. Ordigni pericolosi, grotte da esplorare, in cui l’intento è fare giustizia costruendo prove certe da poter mettere in atto un processo in tribunale.

Il ladro di merendine

È il 1996 quando esce Il ladro di merendine. A poco dal secondo romanzo, Camilleri continua la saga dei libri del commissario Montalbano con questo nuovo romanzo. Con sfondo Vigata, paesino immaginario ubicato in Sicilia, Montalbano si addentra in un’indagine complessa dove le indagini lo portano a un duplice omicidio, inizialmente senza alcun apparente collegamento. Montalbano ravvisa nei singoli omicidi un collegamento e ricerca con la sua astuzia e sesto senso le ragioni e soprattutto i mandanti.

La voce del violino

La voce del violino è del 1997. Questa volta Camilleri vuole far emergere il lato umano di Montalbano, il quale si troverà non solo di fronte alla risoluzione di un omicidio cruento di una donna benestante di Vigata, ma sarà preso dai suoi problemi di cuore in continuo scontro con Livia, amore della sua vita, fidanzata “eterna”.

La gita a Tindari

Con l’arrivo del nuovo millennio, nel 2000 esce La gita a Tindari, il quinto romanzo della saga di Montalbano. Il Commissario si trova a dover affrontare tre omicidi: una coppia anziana abitudinaria che (non si sa perché) parte per una gita e un giovane dedito alla bella vita. Sono diversi i segni che porteranno il commissario Montalbano ad una soluzione per questo caso che sembra così complicato da risolvere.

L’odore della notte

Continuando a parlare dei libri di Montalbano in ordine cronologico, dobbiamo citare L’odore della notte. Siamo nel 2001 e continua la saga con un Montalbano cresciuto, maturato. Gli anni passano, così come le stagioni: a Vigata è inverno. Il caso riguarda la morte di una persona, di cui non si è reperito subito il cadavere, una ricerca intrigante nel passato di chi non c’è più, nei suoi segreti più angusti.

Il giro di boa

Il giro di boa è del 2003. Montalbano durante una nuotata per schiarirsi le idee e i pensieri si imbatte nel suo prossimo caso: il corpo deceduto di un pescatore. Anche questa una vicenda particolarmente complessa da risolvere, alla quale il commissario si dedicherà per trovare una soluzione.

La pazienza del ragno

L’elenco dei libri di Montalbano in ordine cronologico continua con La pazienza del ragno, del 2004, una storia avvincente con il commissario ancora una volta come protagonista assoluto. Montalbano è alle prese con un’inchiesta complessa e duplice che lo porta a dover mettere in atto tutto il suo ingegno.

La luna di carta

La luna di carta è del 2005. Qui il Commissario Montalbano ha una luce ombrata. Spento e riflessivo si imbatte in un omicidio che apparentemente ha tinte passionali, ma che in realtà nasconde ben altro. Sarà compito del commissario riuscire ad arrivare a comprendere cosa è successo veramente.

La vampa d’agosto

Durante la calura dell’estate siciliana, in La vampa d’agosto del 2006, Montalbano scopre per caso un cunicolo misterioso. Anche questa sarà l’occasione per la risoluzione di un mistero che si rivelerà presto molto intricato.

I libri più recenti di Montalbano

Ma i libri di Montalbano in ordine cronologico, come abbiamo visto, sono davvero tanti. Ma quali sono i romanzi più recenti, usciti proprio dal 2006 in poi? Ripercorriamo anche questi racconti imperdibili. Le ali della sfinge è anch’esso del 2006. La vita amorosa di Montalbano è a pezzi, quando si trova a dover far fronte all’omicidio cruento di una ragazza sfigurata.

La pista di sabbia, del 2007, mette di fronte il lettore ad una scena davvero particolare. Un cavallo rubato e un omicidio, la spiaggia e Montalbano preso dalle indagini.

Del 2008 è Il campo del vasaio. In questo romanzo sacro e profano vivono sulla scena del delitto. Un uomo morto e una donna che denuncia la misteriosa scomparsa del coniuge.

L’età del dubbio (2008) ci mette di fronte ad un’indagine svolta completamente in acqua e ad un Montalbano che sembra avere un “nuovo” carattere.

Possiamo poi parlare del libro La danza del gabbiano (2009). Il romanzo si apre con un gabbiano morente e Montalbano che si accinge a raggiungere la sua Livia fin quando uno dei suoi uomini sembra essere sparito.

L’elenco in ordine cronologico continua con La caccia al tesoro (2010): un omicidio efferato cattura la scena in un’ambientazione molto particolare: una ragazza trovata morta tra la spazzatura.

Continuiamo poi a parlare dei libri di Montalbano in ordine di uscita con Il sorriso di Angelica (2010), un salto nell’adolescenza di un Montalbano sognante che si immagina in altre vesti. In Il gioco degli specchi (2011) continua il filone introspettivo, con un Montalbano confuso, pieno di sospetti e con la paura di essere ingannato.

Una lama di luce (2012) propone la scena di un traffico di armi in uno scenario di violenza cruda in cui si eccedono i limiti dell’umanità. Sempre del 2012 è Una voce di notte: continuano le indagini per Montalbano, ma per il commissario il rapporto con Livia è ormai agli sgoccioli.

Nel libro Un covo di vipere (2013) siamo alle prese con un omicidio diverso dal solito, quello di un ragioniere, un uomo privo di nemici apparenti.

E poi ancora La piramide di fango (2014), un omicidio che metterà presto Montalbano in difficoltà. La giostra degli scambi (2015) ci fa assistere ad una scena surreale con una rissa turbolenta da cui si innesca uno scenario avvincente.

L’altro capo del filo (2016) propone una stagione che si apre con gli sbarchi degli immigrati e un omicidio di una donna trovata morta nella sua sartoria. Il racconto La rete di protezione (2017) segna il ritorno di Montalbano a Vigata; le indagini riguardano fatti passati ma mai ricostruiti.

Uno dei più recenti libri di Camilleri con il commissario Montalbano è Il metodo Catalanotti (2018). Una realtà apparente porta Montalbano a non individuare correttamente la realtà, una tematica suggestiva con un ritorno di fuoco: Livia. Infine possiamo citare Il cuoco dell’Alcyon (2019) con complotti, licenziamenti, scenari ambigui.

Riccardino

Camilleri ha voluto lasciare ai posteri un sogno. Ha deciso di scrivere un giallo conclusivo della saga con la pubblicazione soltanto dopo la morte dell’autore. Si mette la parola fine ad una saga che ha fatto la storia del mondo dei gialli di autore italiani. La trama di Riccardino è suggestiva, con una persona che aveva cercato di mettersi in contatto con Montalbano, il quale però non aveva prestato attenzione alla sua telefonata. Interessante è il dialogo tra l’autore del libro e Montalbano.

SCOPRI TUTTI I NOSTRI CONSIGLI DI LIBRI: LEGGI QUI

Nella pagina sono presenti link di affiliazione su cui si ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi.